Ricominciano i pranzi in ufficio. Che tu sia più da schiscetta o da lunch box sarai sempre difronte alla domanda ‘‘e oggi cosa mangio in ufficio?’’ Abbiamo allora chiesto alla nostra nutrizionista le regole per un pranzo da casa a prova di rientro!

1. Via al piatto unico

Punta su un piatto unico di cereali, legumi e verdura.

2. Cotture semplici 

Prediligi cotture semplici che si possono mantenere anche da riscaldate. Si quindi a griglia, forno, vapore e cartoccio.

3.OTTIME le insalate

Le insalate sono un’ottima idea di pasto ma con l’aggiunta di frutta secca, legumi o comunque un po’ di carboidrati, la fame non si farà sentire molto presto!

4.E per finire…

Completa il pasto con un frutto di stagione per raggiungere il senso di sazietà e completezza.

5. Apparecchiare, allontanarsi dalla zona lavoro o spegnere il pc
Munitevi di tovaglietta: vi sentirete un po’ più a casa ed eviterete di rendere la vostra scrivania un campo di battaglia reduce da bombardamenti di condimenti e briciole! Ma soprattutto allontanatevi (se possibile) dalla zona lavorativa per aiutare la mente a staccare e quindi concentrarsi sulla digestione.

6. Home Made

cerca di preparare il pranzo da casa e non affidarti al take way. Preparare il pranzo in anticipo ti aiuterà a renderlo più equilibrato e non sarai consigliata dai languorini di fame rischiando di cedere agli eccessi. Inoltre saprai dare più attenzione ai condimenti.

7. Non solo pranzo!

Nella schiscetta aggiungete degli spuntini veloci per metà mattina e metà pomeriggio. Fondamentali per non arrivare super affamati alla pausa e perché no, prendersi una piccola pausa nelle ore lavorative ti aiuterà a essere più produttiva. Meglio scegliere yougurt magri, frutta di stagione o secca e barrette (? Spesso piene di zuccheri… bisogna cercare quelle giuste…forse non è il caso di aggiungere il termine?)

8. Sazi si ma con moderazione

Un altro elemento fondamentale è tenere conto del rapporto che si ha con certi alimenti. Meglio scegliere alimenti che non ci appesantiscano o ci troveremo a fare i conti con una digestione sonnolenta.

9. Variare

La poca fantasia o le abitudini ci possono portare a rendere ripetitivi i nostri menù. Su internet o in libreria (ma anche un confronto tra colleghi può essere d’aiuto) esistono un sacco di idee per sperimentare nuovi pranzi home made e ricette perfette per la pausa pranzo! La monotonia può a lungo andare indurci a preferire pranzi acquistati e quindi meno salutari.

PS. Ogni tanto lo sgarro però è ammesso 😉1

Queste regole ovviamente sono linee generali che consigliamo ma ogni dieta deve essere valutata in base alle proprie esigenze insieme ad una persona qualificata!

E se vuoi approfondire meglio qual è il regime alimentare a te più adatto prenota la tua consulenza con la nostra nutrizionista, Elena Gerli!

Una lunch-box perfetta!
Tag: