Che cos’è il reflusso gastroesofageo?

Il reflusso gastroesofageo è l’anomala risalita del contenuto dello stomaco verso l’esofago. Questo fenomeno può essere sporadico oppure cronicizzare e in quest’ultimo caso si parla di malattia da reflusso gastroesofageo.

A causare la malattia da reflusso gastroesofageo è un malfunzionamento dello sfintere esofageo inferiore (Cardias), una valvola che ha la funzione di impedire la risalita dei succhi gastrici e del cibo dallo stomaco verso l’esofago.

Il corretto funzionamento di questa valvola è influenzato anche da altri elementi come:
– la conformazione anatomica dello stomaco,
– il muscolo del diaframma,
– la differenza di pressione tra addome e torace.

L’alterazione della sinergia di questo sistema di elementi può determinare la risalita del materiale gastrico. Essendo acido provoca irritazione e danneggiamento delle pareti dell’esofago e dunque il manifestarsi della sintomatologia caratteristica del reflusso gastroesofageo.

Quali sono i sintomi tipici del reflusso gastroesofageo?

Il sintomo più famoso riferito al reflusso gastroesofageo è il “brucior di stomaco”, ovvero bruciore (pirosi) dietro allo sterno, dolore/ fastidio alla bocca dello stomaco accompagnato a volte da rigurgito, singhiozzo nausea e crisi di broncospasmo. Tra i sintomi meno comuni tosse cronica e raucedine. 

La sintomatologia può essere molto varia nella sua manifestazione e intensità. 

I benefici dell’osteopatia in caso di reflusso

La malattia da reflusso gastroesofageo è una delle malattie croniche più comunemente riscontrata. Si stima che circa 4 milioni di italiani presentino questo disturbo, il quale spesso richiede di un intervento multidisciplinare per ottenere miglioramenti e/o risoluzione. Tra le figure che posso prendersene carico vi è anche l’osteopata!!

Il trattamento osteopatico, infatti, può essere considerato un valido alleato della terapia medica e dietetica per la riduzione della sintomatologia del reflusso gastro-esofageo. 

Il trattamento manipolativo osteopatico può intervenire sulle strutture imputabili alla comparsa di tale condizione, tra cui stomaco e diaframma e può così agevolare il ripristino dell’equilibrio tra le pressioni toracico-addominali

Inoltre particolare attenzione andrà fatta ad alcuni accorgimenti quotidiani, come non coricarsi subito dopo i pasti e dormire con il busto leggermente sollevato mediante l’utilizzo di un cuscino sotto il materasso. 

È inoltre fondamentale prestare attenzione al piano alimentare, evitando alcuni cibi sconsigliati per chi soffre di questa problematica come caffè, cioccolato, alcolici e prediligendo piccoli ma più frequenti pasti nell’arco della giornata.

Prenota la tua consulenza con la nostra osteopata!

L’osteopatia è un trattamento efficace anche per attenuare e prevenire i dolori mestruali.

Beatrice Grisi, 
osteopata specializzata in ambito 
ostetrico-ginecologico e pediatrico

Osteopatia e reflusso gastro-esofageo