Come intervenire sui piccoli incidenti domestici e malanni, senza uscire di casa!

In tempo di Coranavirus, con l’impossibilità di fare trattamenti specifici, possono tornare molto utili alcuni rimedi semplici e sempre disponibili come il caldo e il freddo risparmiandoci così l’uscita dal medico o in farmacia.

Dunque meglio fare chiarezza, in quanto capire se usare il caldo o il freddo non è così scontata.

Per lenire i dolori è meglio la borsa del ghiaccio o un impacco caldo?

La difficoltà nella scelta è dettata dal fatto che non c’è una regola univoca e infatti risposta a questa domanda è DIPENDE!!!

Ci sono condizioni in cui è meglio applicare il caldo e altre in cui è consigliato il freddo.

Il principio fisico alla base è semplice.

Il CALDO ha proprietà VASODILATARICE, cioè permette un aumento di diametro dei vasi sanguigni e quindi un aumento dell’afflusso di sangue, favorendo l’arrivo di ossigeno e nutrienti fondamentale per la riparazione dei tessuti.

Il FREDDO invece ha un’azione VASOCOSTRITTRICE, cioè induce una riduzione del diametro dei vasi sanguigni favorendo una diminuzione del microcircolo e contrastando i processi infiammatori e l’accumulo di eventuali edemi. 


Esempi di vita quotidiana..

Per contratture muscolari, tensioni muscolo scheletriche legate a posture scorrette o sforzi, crampi, dolori mestruali, mal di testa di origine muscolare, è consigliato il CALDO.

In questi casi è importante non esporre la parte dolorante al freddo e tenerla il più possibile al caldo, con una maglia, una sciarpa, con la classica borsa dell’acqua calda, con un panno riscaldato al microonde o con i cuscinetti termici (esempio cuscinetti con noccioli di ciliegia da mettere in forno).
Via libera anche a docce calde con il getto d’acqua localizzato sulla zona dolorante. 

In caso di traumi diretti, distorsioni, contusioni muscolari, tendiniti, borsiti è invece indicato il FREDDO.
In questi casi il primo obbiettivo è combattere l’infiammazione che causa il dolore e probabilmente il nostro istinto ci suggerirà già di utilizzare il freddo per via della sensazione di calore e bruciore locale avvertita.
Dolore calore bruciore ed eventuale gonfiore sono infatti segni che ci suggeriscono di preferire il freddo!!!

Si può quindi intervenire utilizzando non solo confezioni di ghiaccio istantaneo monouso (non sempre presente nelle nostre case) ma anche ghiaccio in cubetti o qualsiasi confezione di cibo presente nel congelatore. 

Per quanto riguarda i tempi di applicazione si consigliano 20- 30 minuti a più riprese nella giornata.

Beatrice Grisi, osteopata

I nostri specialisti sono a disposizione per semplici consigli veloci (telefono amico) o per videoconsulti e visite online prenotabili al numero 039 29 16 250.

Caldo o Freddo?
Tag: