Cos’è la biorivitalizzazione ?

L’acido ialuronico che conferisce alla nostra pelle elasticità, è prodotto naturalmente dalla pelle. 

Con l’avanzare dell’età la pelle perde elasticità e diminuisce la produzione di acido ialuronico.

Il trattamento di biostimolazione o biorivitalizzazione è un trattamento anti-age non invasivo nè fastidiosoche stimola la cute ristabilendo l’equilibrio naturale della pelle.

Il trattamento consiste nella somministrazione di sostanze bio-stimolanti(come l’acido ialuronico puro), sali minerali e vitamine(A, B3, B5 B6, B12, C, E), allo scopo di favorire la sintesi del collagene e di idratare in profondità la pelle.

La biorivitalizzazione viso è oggi uno dei trattamenti estetici viso più richiesti e non presentaalcun tipo di controindicazione o effetto collaterale.

Dona un aspetto luminoso alla cute, avendo una forte azione di idratazione profonda, che migliora la compattezza e la trama della pelle e può essere eseguito anche nei mesi estivi.

Ma che differenza c’è tra biorivitalizzazione e filler con acido ialuronico?

Il primo trattamento consente una diffusione maggiore delle sostanze: l’acido ialuronico della biorivitalizzazione non è reticolato e presenta quindi delle fibre libere che gli permettono di propagarsi con maggiore facilità. 

La biorivitalizzazione però non riempie le rughe profonde, ma stimola la produzione di collagene ed elastina. I filler invece sono piccole iniezioni localizzate per andare a ristabilire le rughe più marcate.

Questi due trattamenti però possono essere abbinati per ottenere risultati anti-age ancora più efficaci.

Biostimolazione senza aghi (PRX)

Consiste in una stesura attraverso un massaggio e quindi senza iniezionidi un composto viscoso di sostanze altamente nutrienti e ricostituentiche penetrano rapidamente nell’epidermide.

Indicato sia per uomini che per donne può essere utilizzatosia sul viso che sul corpo, anche se solitamente le principali zone in cui viene richiesto sono il viso, il dorso delle mani, il collo ed il petto.Le zone più visibili che tendono a mostrare di più il passare del tempo

Per ottenere risultati efficaci e duraturi si consigliano dalle 4 alle 6 sedute ogni 15 giorni circain base alla tipologia di pelle e problematica da trattare. Continuando poi con sporadiche sedute di mantenimento negli anni successivi.

Biostimolazione con aghi 

Si ricorre all’utilizzo degli aghi quando i segni del tempo risultano più marcati e visibili. Anche in questo caso le sedute (circa 3) vengono ripetute ogni 15-20 giorni per poi andare ad eseguire sedute annuali di mantenimento a seconda delle necessità.

Controindicazionie possibili effetti collaterali.

Durante la preparazione alla biorivitalizzazione del viso, sia essa con o senza aghi, per aumentarne l’efficacia, si consiglia i trattamenti di pulizia come peeling e/o scrubs.

Non esistono veri e propri rischi legati alla biorivitalizzazione del viso, se non rari effetti collaterali. Possono manifestarsi lievi arrossamenti o piccoli lividi causati dalla puntura della siringa.

Va detto poi che il trattamento è controindicato alle gestanti.

Per quanto riguarda invece l’acido ialuronico, ricordiamo che è possibile che si verifichino reazioni allergiche o di ipersensibilità.

Prima di ogni trattamento il medico estetico valuterà con il paziente il percorso migliore personalizzato sulle esigenze del paziente.

Prenota la tua consulenza con il nostro medico estetico!