Il tampone vagino-rettale in gravidanza si esegue dopo la 35ma settimana di gestazione e serve per individuare la presenza dello Streptococco beta-emolitico di gruppo B o Streptococcus agalactiae, un batterio innocuo per la mamma e per il feto ma potenzialmente pericoloso per il bebè al momento della nascita.

Se il test è positivo, sarà sufficiente una terapia antibiotica adeguata in travaglio.

gravida a termine