Il trattamento osteopatico nell’infanzia e in età pediatrica utilizza trattamenti delicati e non invasivi. Il suo scopo è innanzitutto preventivo, andando a risolvere scompensi e tensioni legate a disfunzioni e asimmetrie posturali.

trattamento osteopatico nell'infanzia

Perché può essere utile un trattamento osteopatico?

Nel neonato

Perché portare un neonato dall’osteopata?
Durante il parto il neonato viene sottoposto a un grosso stress e a uno sforzo intenso. Per questo motivo possono verificarsi alcune disfunzioni come la plagiocefalia (c.d. testa piatta) o il torcicollo miogeno. L’osteopata è in grado di individuare a trattare queste problematiche, agevolando la crescita armonica del bambino.

Anche disturbi del sonno, coliche o stitichezza, fatica di suzione e irrequietezza possono essere sintomi di problematiche risolvibili attraverso una opportuna valutazione e trattamento osteopatico.

I rischi dei disturbi somatici quali rigurgiti e otiti frequenti sono invece spesso legati ad alcune situazioni particolari quali il parto gemellare, la presentazione podalica, il travaglio lungo e difficoltoso, l’anestesia epidurale, l’estrazione con ventosa.

In questi casi è certamente consigliato un primo controllo subito dopo la nascita.

Nel bambino

Quali sono i sintomi che il trattamento osteopatico riesce a risolvere?
Nei bambini la caduta o i ruzzoloni sono all’ordine del giorno e anche piccoli traumi possono a volte avere ripercussioni e strascichi duraturi.

Anche grazie alla collaborazione con il team di specialisti e terapisti di PerLa Donna, l’osteopatia può rispondere in modo efficace a problemi quali una postura non corretta, mal di testa, otiti, infezioni ricorrenti ed epistassi.

L’osteopatia si può inoltre dimostrare particolarmente efficace in caso di malocclusioni scheletriche e dentali. in quest’ultimo caso l’intervento osteopatico riesce ad evitare o a ridurre i tempi dell’intervento ortodontico.

In cosa consiste un trattamento osteopatico?

L’osteopata fa sdraiare il neonato su un’apposita area contenuta e imbottita (c.d. “nido”) ed esercita piccole pressioni, assolutamente non invasive, in punti specifici del cranio e del corpo a seconda del problema identificato.

Nel caso di bambini e adulti, il trattamento consiste in una manipolazione dolce su lettino o poltrona.